uno sguardo più da vicino al WEF e a Klaus Schwab

Fissare il male in faccia: uno sguardo più da vicino al WEF e a Klaus Schwab

È un elemento chiave della nostra missione portarti alcuni dei migliori scritti del Movimento per la libertà in rapida crescita.

Tale è la natura della crescita del Movimento, include nei suoi ranghi le menti più brillanti e i pensatori più progressisti del pianeta e ora infuria una guerra tra le menti più brillanti del pianeta contro le più inique del pianeta.

Il seguente articolo in primo piano proviene da Alkricher.com che merita una visita per la sua illuminante “Storia della terza guerra mondiale”.

L’articolo qui presentato offre preziose informazioni sul gruppo sovversivo noto come WEF e sul suo sinistro ed evidentemente folle frontman Klaus Schwab.

Non commettere errori, qui stiamo guardando il male in faccia e nessuno sano di mente lascerebbe che questi criminali chiamassero i colpi, perché semplicemente ed enfaticamente non stanno lavorando nel nostro migliore interesse ma nel loro proprio.

Sono per il loro modus operandi e le loro intenzioni, cartelli criminali i cui migliori interessi comprendono evidentemente di ridurre quelli come te, me e quelli a cui teniamo a droni sacrificabili senz’anima o, nelle parole del principale goleador del WEF, il dottor Yuvel Noah Haram – animali hackerabili, condannati alla servitù per tutta la vita dell’élite benestante.

La missione dichiarata del WEF sembra abbastanza innocua, ma il lungo finale è orribile se li prendiamo in parola.

“ Il World Economic Forum è l’Organizzazione Internazionale per la Cooperazione Pubblico-Privato”

Nel mio ultimo articolo ho esplorato alcune delle connessioni tra l’industria tecnologica, il governo, i grandi investimenti e le banche centrali che costituiscono ciò che Klaus Schwab, fondatore e presidente esecutivo del World Economic Forum chiama “cooperazione pubblico-privato” e l’ho dimostrato nient’altro che corruzione sistemica, innesto e welfare aziendale.

Questo scenario può essere spesso il caso, ma ci sono stati momenti in passato in cui i partenariati pubblico-privato sono stati molto più della semplice corruzione e inefficienza. Con l’alba del COVID-19 e l’annuncio del Great Reset da parte del World Economic Forum, è fondamentale esaminare l’altro lato molto più oscuro dei partenariati pubblico-privato. Come vedremo, purtroppo, ci sono molte ragioni per essere preoccupati (oltre a quelli che molti chiameranno allarmisti) per i continui progressi verso la distopia autoritaria.

La storia oscura della cooperazione pubblico-privato

All’inizio del periodo di riarmo prebellico degli anni ’30 nella Germania nazista, Hugo Junkers era il proprietario di uno dei produttori di aerei più rispettati e innovativi in ​​Germania. Quando i nazisti presero il potere nel 1933, il Reichskommissar dell’aviazione, Hermann Göring:

…ha chiesto a Junkers e alle sue imprese di aiutare nel riarmo tedesco. Junkers ha rifiutato, a cui i nazisti hanno risposto chiedendo la proprietà di tutti i brevetti e le quote di mercato dalle sue restanti società sotto minaccia di reclusione per alto tradimento.

Junkers è stato confinato agli arresti domiciliari ed è morto misteriosamente lo stesso giorno in cui i funzionari nazisti hanno visitato la sua casa per un giro di “negoziati” per convincerlo a rinunciare alla sua compagnia. “Molto poco dopo, sua moglie Therese cedette tutto il controllo delle società e dei brevetti Junkers ai nazisti per una piccola frazione del loro valore”.

In cooperazione pubblico-privato con i nazisti ma senza Hugo, la società Junkers progettò e produsse il famigerato bombardiere in picchiata Stuka che devastò l’Europa durante la seconda guerra mondiale.

A differenza di Junkers, i dirigenti e gli azionisti di un certo numero di società con nomi ancora familiari come Krupp, Bayer, BMW, Daimler e IG Farben collaborarono proficuamente con i nazisti durante lo stesso periodo. Una di queste società era la filiale di Ravensburg in Germania di una società svizzera meno nota, la Escher-Wyss AG , il cui amministratore delegato era un certo Eugen Schwab, padre di Klaus Schwab .

Come riporta Johnny Vedmore per Unlimited Hangout, durante questo periodo, Escher-Wyss, era il più grande datore di lavoro a Ravensburg. Inoltre, nello stesso periodo e mentre Eugen Schwab era amministratore delegato, la fabbrica di Ravensburg ricevette il titolo di “National Socialist Model Company”. Questo premio non fu per niente in quanto la fabbrica di Ravensburg impiegava lavoratori forzati e manteneva persino un piccolo campo speciale per questi “lavoratori” nei locali della fabbrica. In particolare per lo sforzo bellico, Escher-Wyss aiutò la Wehrmacht nazista a produrre:

…significative armi da guerra così come armamenti più basilari. La società Escher-Wyss era leader nella tecnologia delle grandi turbine per dighe idroelettriche e centrali elettriche, ma produceva anche parti per aerei da combattimento tedeschi.

Inoltre:

L’azienda aveva progettato una turbina da 14.500 HP per l’impianto idroelettrico strategicamente importante dell’impianto industriale di Norsk Hydro a Vemork, vicino a Rjukan in Norvegia. L’impianto di Norsk Hydro, in parte alimentato da Escher Wyss, era l’unico impianto industriale sotto il controllo nazista in grado di produrre acqua pesante, un ingrediente essenziale per produrre plutonio per il programma della bomba atomica nazista.

Le forze alleate erano consapevoli degli sviluppi potenzialmente rivoluzionari, come rivelato dal Record Group 226 compilato dall’Ufficio dei servizi strategici (OSS) dell’esercito americano. Nel 1944, aiutate dall’intelligence, le forze di resistenza norvegesi riuscirono ad affondare la nave che trasportava l’acqua pesante in Germania. Come dice Vedmore, “Con l’aiuto di Escher-Wyss, i nazisti furono quasi in grado di cambiare le sorti della guerra e portare a una vittoria dell’Asse”.

Nel 1945, con la sconfitta di Hitler, non c’era più un padrone nazista da servire, ma non importa. Il vuoto di potere rimanente è stato riempito non solo dagli Stati Uniti e dagli alleati, ma dalla stessa Guerra Fredda. Per Eugen, e successivamente per Klaus, ciò significava l’ascesa del Military Industrial Complex (MIC). Avvolto in un’affascinante patina di democrazia, il MIC era un treno per sugo più grande, nuovo e migliorato, e molto più redditizio di quanto la Germania nazista avesse mai avuto il potenziale di diventare. Ha esportato la sua violenza lontano dall’Europa in posti come il Vietnam, e stava crescendo.

La carriera di Eugen ha continuato ad avanzare. Nel 1966 (dopo che Klaus aveva raggiunto la maggiore età), Eugen era Presidente della Camera di Commercio di Ravensburg e coinvolto nella fondazione di un comitato per la costruzione di un tunnel ferroviario che collegasse la Svizzera con l’Italia. Questo particolare tunnel non è mai stato costruito, ma i suoi commenti riguardo al comitato mostrano che probabilmente ha avuto una forte influenza su Klaus in termini di filosofia mondiale. Ha definito questo comitato come un progetto “che crea una connessione migliore e più veloce per i grandi circoli nella nostra Europa sempre più convergente e offre così nuove opportunità di sviluppo culturale, economico e sociale”. Come Klaus e il suo concetto di “capitalismo delle parti interessate”, Eugen ha cercato di plasmare la natura dell’interazione culturale e sociale e di utilizzare lo stato per fonderli con attività a scopo di lucro. Adesso, ricordare i tipi di “sviluppo” culturale e sociale con cui Eugen era stato disposto a collaborare durante il nazismo poco tempo prima. Eugen Schwab si inserì come beneficiario della macchina da guerra nazista, non perché fosse nazista o perché amasse la guerra, ma perché la macchina da guerra nazista era la macchina più grande e potente disponibile in cui inserirsi.

Nel 1967, Klaus Schwab aveva conseguito diversi diplomi tra cui un Master in Pubblica Amministrazione presso la John F. Kennedy School of Government di Harvard. Mentre era ad Harvard, a Schwab fu insegnato da Henry Kissinger. Naturalmente Kissinger sarebbe presto diventato consigliere per la sicurezza nazionale del presidente Nixon, nonché un famigerato criminale di guerra. Klaus, tuttavia, in seguito nomina Kissinger come una delle prime tre o quattro figure che hanno maggiormente influenzato il suo pensiero nel corso della sua vita.

Due anni dopo, è stato il turno di Klaus come amministratore della Sulzer Escher-Wyss AG, appena fusa. Con il suo arrivo, la compagnia iniziò nientemeno che la proliferazione illegale della tecnologia delle armi nucleari. Ancora, secondo Vedmore, “… mentre Schwab era nel consiglio di amministrazione, [l’azienda] iniziò anche a svolgere un ruolo fondamentale nello sviluppo del programma illegale di armi nucleari del Sud Africa durante gli anni più bui del regime dell’apartheid. Klaus Schwab è stato una figura di spicco nella fondazione di una cultura aziendale che ha aiutato Pretoria a costruire sei armi nucleari e ad assemblarne parzialmente una settima”. Inoltre:

… Il Sud Africa aveva costruito un reattore come parte di un piano per la produzione di plutonio, il SAFARI-2 situato a Pelindaba. SAFARI-2 faceva parte di un progetto per sviluppare un reattore moderato da acqua pesante… Questo collegamento allo sviluppo di acqua pesante per la creazione di uranio [sic, probabile plutonio], la stessa tecnologia che era stata utilizzata dai nazisti anche con l’aiuto di Escher-Wyss, potrebbe spiegare perché i sudafricani inizialmente hanno coinvolto Escher-Wyss.

Chiaramente Klaus ha visto ciò che suo padre aveva fatto e all’inizio ha cercato di emularlo. Apparentemente insoddisfatto, tuttavia, cercò e fece conoscenza con pesci più grandi di suo padre, che una volta aveva giocato bene con i nazisti e se l’era cavata.

Nel 1946 Hermann J. Abs divenne membro della Lega Europea per la Cooperazione Economica. La missione dell’ELEC era di sviluppare politiche sull’integrazione monetaria, sui trasporti comuni, sull’energia e sui sistemi di welfare. Inoltre, l’ELAC era generalmente dedicato all’istituzione del mercato comune europeo, che è stato il precursore dell’Unione europea. Nel 1948, Abs fu incaricato di destinare i fondi del Piano Marshall a beneficiari idonei nell’industria tedesca e nel 1949 divenne uno dei principali consulenti finanziari di Konrad Adenauer, il primo cancelliere della Germania occidentale del dopoguerra. Apparentemente, a questo punto, Abs era un uomo della nuova Europa progressista, unificante e proprio il tipo di leader aziendale di alto livello con cui un emergente come Klaus vorrebbe andare a gomito. Ora diamo un’occhiata più in profondità alla storia di Hermann.

Nel 1937, mentre i nazisti stavano espandendo il loro regno del terrore nei paesi vicini, Abs entrò a far parte del consiglio di amministrazione della Deutsche Bank, la più grande banca tedesca. Fu durante questo periodo che Deutsche Bank fu incaricata di “arianizzare” le banche in Austria e Cecoslovacchia che erano di proprietà di ebrei.

Nel 1942, come rappresentante dell’istituto di credito Deutsche Bank, Abs sedeva nei consigli di amministrazione di 40 società. Un quarto di questi si trovava nei paesi occupati dai nazisti e, come Escher-Wyss, utilizzava il lavoro schiavo. Nel 1943, la ricchezza di Deutsche Bank era quadruplicata. Uno dei consigli di amministrazione in cui prestava servizio Hermann Abs non era altro che la IG Farben, la cui controllata Degesch era la fornitrice del gas cianuro Zyklon B. utilizzato nelle camere a gas di Auschwitz e in altri campi di sterminio. A differenza di molti dei suoi colleghi della IG Farben (che dichiaravano ignoranza, ricevevano assoluzioni o condanne leggere, e proseguirono per “rispettabili” carriere industriali del dopoguerra), Abs, nonostante fosse stato arrestato dagli inglesi nel 1945 non fu mai perseguito per crimini di guerra. In seguito è tornato in Deutsche Bank come presidente del consiglio e, come abbiamo visto, è diventato una delle figure più importanti della ricostruzione tedesca del dopoguerra.

Infine, nel 1971, dopo aver assistito a una formula vincente di partenariato pubblico-privato portata avanti dal padre, Klaus Schwab ha creato un’organizzazione globale il cui unico scopo era promuovere la stessa formula più e più volte tra governi e traslocatori e agitatori aziendali politicamente collegati. Nel gennaio dello stesso anno si tenne a Davos, in Svizzera, l’inaugurale European Management Symposium, in seguito noto come World Economic Forum. Dopo un primo incontro di successo, il simposio dell’anno successivo prometteva di essere ancora migliore, ma sfortunatamente per Klaus:

Il Presidente del Meeting,  Hermann J. Abs , Presidente di Deutsche Bank e all’epoca il più importante leader d’impresa europeo, dovette annullare la sua partecipazione con breve preavviso. (Enfasi aggiunta.)

E allora?

Negli Stati Uniti sono esistite numerose cosiddette partnership pubblico-private prima e dopo la seconda guerra mondiale. In effetti, sono stati in tutti gli angoli del globo da quando ci sono stati i governi. Molti li considerano dispendiosi e improduttivi, ma di solito non li consideriamo orribili come sopra. La storia mostra che possono sicuramente essere vissuti. Inoltre, i progressisti credono in tutti i tipi di ragioni per cui sono utili. Allora perché preoccuparsi così tanto del padre di Klaus Schwab e del suo ruolo periferico in un regime a lungo sconfitto e se Klaus potrebbe aver imparato una o due cose da lui? Non viviamo più in quel mondo. Siamo andati avanti.

Siamo davvero andati avanti…

Nelle parole di Klaus Schwab:

Siamo sull’orlo di una rivoluzione tecnologica che cambierà radicalmente il modo in cui viviamo, lavoriamo e ci relazioniamo gli uni con gli altri. Nella sua scala, portata e complessità, la trasformazione sarà diversa da qualsiasi cosa l’umanità abbia mai sperimentato prima.

Sta descrivendo quella che lui e la folla che si riversa a Davos chiamano la  “Quarta Rivoluzione Industriale” . Lui continua:

La prima rivoluzione industriale utilizzava acqua e vapore per meccanizzare la produzione. Il Secondo utilizzava l’energia elettrica per creare una produzione di massa. Il Terzo utilizzava l’elettronica e la tecnologia dell’informazione per automatizzare la produzione. Ora una Quarta Rivoluzione Industriale sta costruendo sulla Terza, la rivoluzione digitale in atto dalla metà del secolo scorso. È caratterizzato da una fusione di tecnologie che sta offuscando i confini tra la sfera fisica, digitale e biologica.

Elenca una serie di tecnologie emergenti:

… come l’intelligenza artificiale, la robotica, l’Internet delle cose, i veicoli autonomi, la stampa 3-D, la nanotecnologia, la biotecnologia, la scienza dei materiali, l’accumulo di energia e l’informatica quantistica.

E:

La velocità delle scoperte attuali non ha precedenti storici. Rispetto alle precedenti rivoluzioni industriali, la Quarta si sta evolvendo a un ritmo esponenziale piuttosto che lineare. Inoltre, sta sconvolgendo quasi tutti i settori in ogni paese. E l’ampiezza e la profondità di questi cambiamenti annunciano la trasformazione di interi sistemi di produzione, gestione e governance.

Ci dice che il tipo di impatto che gli attuali cambiamenti tecnologici avranno sulle nostre vite e sull’economia è come niente che abbiamo mai visto e implica che, come individui, non siamo attrezzati per affrontare le sue sfide. Nel suo libro del 2017,  La quarta rivoluzione industriale,  scrive:

Circa il 47% dell’occupazione totale negli Stati Uniti è a rischio, forse nel prossimo decennio o due, caratterizzato da una portata molto più ampia di distruzione di posti di lavoro a un ritmo molto più rapido rispetto ai cambiamenti del mercato del lavoro sperimentati nelle precedenti rivoluzioni industriali.

Nel suo libro del 2018,  Shaping  the Fourth Industrial Revolution,  Schwab scrive:

Diventeremo più capaci di manipolare i nostri geni e quelli dei nostri figli. Questi sviluppi sollevano domande profonde: dove tracciamo il confine tra uomo e macchina? Cosa significa essere umano?

Chi siamo “noi”? Qualcuno potrebbe diventare più bravo a manipolare i miei geni e quelli dei miei figli, ma non sembra davvero includermi. Hai intenzione di diventare più bravo a manipolare i tuoi geni? Richiede molto know-how. Buona fortuna. I collettivisti come l’uso della parola “noi” da parte di Schwabs possono essere sia ipnotici che assurdi.

E:

Le tecnologie della quarta rivoluzione industriale sembrano quindi minare la scelta e la capacità degli esseri umani di applicare le proprie competenze e interessi a un lavoro significativo e possono portare generazioni di lavoratori a vivere vite precarie e frammentate. La gestione di questi turni richiederà nuove normative per il lavoro non standard, investimenti nell’apprendimento degli adulti e servizi per l’impiego proattivi.

Sicuramente sembra che sappia di cosa sta parlando. Ha ragione? È questo il futuro? Forse. Ma, alla luce di tutto ciò che sappiamo su Klaus Schwab, supponendo che tutti questi cambiamenti si realizzino, non è altrettanto importante chiedersi: “Chi ne beneficia?” Klaus ci dice chi  dovrebbe  trarne beneficio. Perché, tutti, ovviamente! Tutti gli “stakeholder” devono essere riuniti in nuove forme del 21 ° una “governance” globale del secolo, imbevuta di “una nuova mentalità di leadership” per garantire che tutte le nuove tecnologie siano progettate con i “nostri valori collettivi” integrati fin dall’inizio. In questo modo, le “esternalità” della Quarta Rivoluzione Industriale (4thIR) possono essere adeguatamente gestite e la promessa della nuova era tecnologica può essere incorporata nelle “città intelligenti” e “colmare il divario digitale” verso le parti più remote del pianeta a beneficio delle persone più isolate. Quindi, per tutti, significa letteralmente  tutti .

Va bene, ma a parte  tutti chi ne beneficia? Tra i partner fondatori elencati del Center for the Fourth Industrial Revolution del WEF ci sono: Salesforce, Accenture, Deloitte, Facebook, Hitachi, Huawei, McKinsey, Microsoft, Mitsubishi, Palantir, Visa, Gavi, the Vaccine Alliance e Netflix. I principali azionisti e dirigenti di queste società sono solo alcuni degli “stakeholder” del 4°IR. Stakeholder come questi sono quelli importanti perché sono quelli che pagano profumatamente Klaus Schwab per fare quello che fa. E questo è solo il lato privato della “cooperazione pubblico-privato”. Quando scrive del 4°IR, il WEF dedica un’enorme quantità di stampa e immobili online non solo a questioni di “privacy” ma anche ai “nostri valori collettivi”. Queste sono aree per la parte pubblica del partenariato. Schwab ci direbbe che il ruolo della parte pubblica è fare in modo che i bisogni e le preoccupazioni di tutti gli “stakeholder” siano ascoltati. Prevede anche un contesto normativo che sia accomodante ai “bisogni mutevoli e imprevisti”.

C’è però una caratteristica del lato “pubblico” del partenariato pubblico-privato senza il quale sarebbe inutile per Schwab e tutti gli enti di cui sopra:  il monopolio statale sull’uso della forza e la sua minaccia.

Più specificamente, quindi, la mia domanda è: “Chi beneficia dell’uso della forza del governo in nome della Quarta Rivoluzione Industriale?”

In un white paper del World Economic Forum intitolato  Reimagining Regulation for the Age of AI: New Zealand Pilot Project , gli autori affermano:

I moderni domini di regolamentazione sono così complessi che non possono più essere gestiti dal solo stato. Un moderno organismo di regolamentazione non è autoritario, ma fa parte di un sistema più ampio che influenza e guida attraverso una gamma completa di approcci. Poteri di regolamentazione più rigidi possono essere utili in determinate situazioni , mentre
gli approcci soft funzioneranno meglio in altre.NOTIZIE SUGGERITE

NESSUN VIAGRA NECESSARIO. IL SESSO DURA 3 ORE. CLICCA SULLA FOTOEretronNON DORMI PER L’ACUFENE? CON QUESTO LA SALUTERAI IN POCHI GIORNICalminaxQUESTE DUE VERDURE DISTRUGGONO IL GRASSO DELLA PANCIA DI NOTTEKeton AktivLAVORA CON AMAZON DA CASA E GUADAGNA 1.500 € AL MESE. SCOPRI VIENIInvestimenti AmazonAMICO, PROBLEMI A LETTO? PROVA QUESTO NUOVO METODO 100% NATURALEBlue Bull

…una mancanza di esperienza può essere risolta dando al gruppo la possibilità di avvalersi della consulenza di esperti quando è necessario. Altre sfide sono più complesse… un ambito troppo ristretto o specifico può andare contro le autorità di regolamentazione in aree di tecnologia in rapida evoluzione. Alcuni regolatori (come la Food and Drug Administration degli Stati Uniti…) hanno  deliberatamente ampi mandati  che hanno lo scopo di renderlo a prova di futuro se il campo si muove in direzioni impreviste. (Enfasi aggiunta.)

Le società sopra citate e innumerevoli come loro non solo dedicano tempo e risorse finanziarie significative al World Economic Forum, ma anche milioni di dollari alle campagne dei politici e dei loro partiti così come ai lobbisti che scrivono la legislazione che li regola.

Ci viene insegnato a credere che lo scopo della regolamentazione del governo sia proteggere i consumatori e il pubblico da attività commerciali nefaste o pericolose; e in alcuni casi, forse, lo fa davvero. Ma quando è più efficace, fornisce un  monopolio  imposto dal governo  a un piccolo cartello. Questo è un vecchio gioco. Negli Stati Uniti risale almeno alle prime ferrovie transcontinentali. Ciò si ottiene con regolamenti, scritti dagli stessi lobbisti del settore, così costosi da implementare che solo le società più grandi e politicamente stabilite possono permettersi di implementarli. Tutte le altre competizioni vengono eliminate.

E che dire delle situazioni in cui “gli approcci soft funzioneranno meglio”? Una tempestiva partnership pubblico-privato da evidenziare in questi giorni è il lancio dei vaccini COVID-19, in particolare quando si tratta di mandati sui vaccini. Non c’erano mandati diffusi dal governo fino a quando il vaccino Comirnaty dal  partner del WEF  Pfizer non è stato approvato per l’uso dalla FDA. Chi trae vantaggio da questa rapida approvazione? Per il bene di Pfizer, era una buona cosa che fosse disponibile l’opzione “approccio morbido”, così come un “ampio mandato”. In caso contrario, sarebbe stato necessario un maggiore controllo della sua sicurezza ed efficacia.

È importante notare che l’attuale consiglio di Pfizer e il membro del WEF Scott Gottlieb, MD,  sono stati commissari della FDA dal 2017 al 2019. Questi tipi di connessioni sono spesso indicati come “la porta girevole”. Quando il WEF parla di “approcci morbidi” e dice: “Un moderno organismo di regolamentazione non è autoritario”, sembra significare non autoritario nei confronti degli interessi delle aziende con il maggior peso legislativo e normativo, mentre può essere abbastanza autoritario per innumerevoli altri, come quelli che vengono vaccinati contro la loro volontà a beneficio di Pfizer.